Sull’auto-glorificazione francese al Festival di Cannes e sulle agiografie mediatiche italiche.

LA BARBA DI DIOGENE

cannes-venuedi Rina Brundu. Suvvia, in tutta onestà, scagli la prima pietra chi di voi non ha goduto almeno un poco dopo che si è saputo che i “i tre magnifici italiani” (definizione del Corsera) sono rimasti a mani vuote in quel del Festival di Cannes? Tranquilli, non si tratterebbe di alto tradimento della patria cinematografica, ne di coltivare qualche insana propensione sado-masochista, quanto piuttosto di dimostrarsi persone capaci di senso critico e di restare con i piedi per terra anche quando letteralmente soffocati dalle melasse agiografiche di parte.

View original post 478 more words

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s